Komitee gegen den Vogelmord e.V. Committee Against Bird Slaughter (CABS)

Komitee gegen den Vogelmord e. V.
Committee Against Bird Slaughter (CABS)

  • deutsch
  • english
  • italiano
Spenden-Button

Falchi presi a fucilate nel nord del Libano

Falchi presi a fucilate nel nord del Libano

27.01.2023

Lo scorso ottobre durante il picco della migrazione dei rapaci, un team del CABS si trovava nel distretto di Danniyeh, nel nord del Libano. Oltre a documentare l'entità della caccia notturna illegale, il nostro team ha anche scoperto dei cacciatori che miravano ai falchi pecchiaioli protetti. Dopo aver sparato a due rapaci, i bracconieri sono fuggiti dall’area, che comunque era troppo remota tra le montagne per poter ottenere il supporto della polizia. Nelle aree in cui operiamo due volte l'anno dal 2017, la situazione è già migliorata.

Guarda il nostro video sul canale YouTube del CABS.

Poiana con zampa spappolata in una tagliola, Germania

Poiana con zampa spappolata in una tagliola, Germania

11.01.2023

La polizia di Münster ha recuperato una poiana finita in una tagliola illegale piazzata all'interno di una proprietà recintata di allevatori di pollame. Gli agenti sono stati chiamati dallo staff del CABS di Bonn, che aveva scoperto il rapace grazie una segnalazione. Purtroppo la zampa della poiana è stata quasi completamente recisa dalla tagliola e l'animale è stato soppresso dal veterinario. Il CABS ha immediatamente sporto denuncia per crudeltà verso gli animali, bracconaggio e violazione della Legge Federale per la Conservazione della Natura. La polizia sta indagando per accertare se l'autore del reato è il proprietario dell'immobile. "Presumiamo che la trappola sia stata piazzata per impedire ai rapaci di predare i polli" ha detto il portavoce del CABS Axel Hirschfeld. Le poiane sono una specie rigorosamente protetta in tutta Europa e l'uso delle tagliole è vietato dal 1995 proprio perché si tratta di trappole estremamente crudeli.

Presi i primi bracconieri del campo invernale a Cipro

Presi i primi bracconieri del campo invernale a Cipro

01.01.2023

Nell’ambito della nostra campagna invernale a Cipro, sono stati denunciati 3 bracconieri negli ultimi giorni di dicembre. Due di loro utilizzavano richiami elettroacustici illegali per allodole e sono stati colti in flagrante, uno insieme ai guardiacaccia del Game and Fauna Service e l’altro alla polizia della base britannica. Il terzo cacciatore aveva attirato la nostra attenzione per lo stesso motivo: stava usando un richiamo elettroacustico per una specie cacciabile, il tordo bottaccio. I guardiacaccia però hanno impiegato più di un'ora per arrivare sul posto. Mentre altri cacciatori avevano utilizzato questo tempo per svignarsela, il nostro sospettato è passato alla caccia alle pispole e aveva già abbattuto quattro di questi migratori protetti! Se gli agenti lo avessero sorpreso "solo" a usare il richiamo, se la sarebbe cavata con una multa di qualche centinaia di euro. Così invece dovrà pagare 2.500 euro perché ha ucciso anche gli uccelli protetti.

Maggiori informazioni sulle nostre operazioni a Cipro qui.

Il 2022 del CABS: 320 bracconieri denunciati!

Il 2022 del CABS: 320 bracconieri denunciati!

21.12.2022

Nel 2022 il CABS ha condotto 31 campi antibracconaggio, a cui hanno partecipato oltre 180 attivisti provenienti da tutta Europa. Durante le operazioni, effettuate in sette diversi paesi del Mediterraneo, abbiamo denunciato 320 bracconieri. Un nuovo record, l'anno scorso erano 268. In totale, insieme alle autorità competenti, abbiamo smantellato 1.039 trappole, 3.433 limesticks, 534 reti e 236 richiami elettroacustici. Le nostre Bird Guards hanno salvato oltre 2.500 uccelli dalle trappole o dalle gabbie in cui erano tenuti illegalmente. E altre decine di migliaia di uccelli che non sono finiti nelle trappole dei bracconieri sono salvi grazie alle nostre operazioni! Vorremmo ringraziare tutti i volontari che investono il loro tempo e affrontano situazioni difficili per assicurare più protezione agli uccelli e, naturalmente, anche tutti i donatori, i membri e gli amici che ci supportano.

Qui trovate il nuovo rapporto annuale, con una panoramica sulle nostre attività del 2022.

Guardiacaccia uccide un astore in Germania

Guardiacaccia uccide un astore in Germania

08.12.2022

A seguito di una segnalazione, il 7 dicembre due membri del CABS hanno localizzato una trappola per rapaci nel comune di Lengerich nell'Emsland. Nella trappola si trovavano il piccione che fungeva da esca e un astore appena catturato. In attesa dell'intervento della polizia, il bracconiere - un contadino e guardiacaccia - è arrivato e ha picchiato a morte l'astore, di fronte alle nostre telecamere. L'uomo, di circa 50 anni, è stato fermato dalla polizia mentre si allontanava dalla scena. Durante la perquisizione della proprietà del sospetto, è stata scoperta un'altra trappola per rapaci attiva. L’uomo ha dichiarato alla polizia di voler proteggere la piccola selvaggina del posto e le sue galline dai rapaci. L'uomo rischia una pesante multa e la perdita della licenza di caccia per aver violato le leggi federali per la protezione della natura e degli animali.

Termina il campo autunnale del CABS a Malta

Termina il campo autunnale del CABS a Malta

05.12.2022

Da metà settembre 20 volontari del CABS provenienti da tutta Europa si sono recati a Malta e a Gozo, la piccola isola vicina, per monitorare la cattura degli uccelli selvatici con reti e trappole e la migrazione degli uccelli protetti ambiti dai collezionisti, come falchi pecchiaioli, falchi di palude e cicogne. Durante l'operazione, i nostri attivisti sono riusciti a scovare 37 bracconieri. Grazie alle informazioni che abbiamo raccolto, l’unità anti-bracconaggio della polizia maltese (APU) ha denunciato gli uccellatori e sequestrato 56 reti a scatto e altra attrezzatura da cattura. 540 uccelli selvatici sono stati salvati e liberati! Molti degli uccellatori presi questo autunno sono legati al controverso "progetto di ricerca" del governo maltese, che viola palesemente la Direttiva Uccelli dell'UE.

La cattura degli uccelli in Francia continua a essere vietata!

La cattura degli uccelli in Francia continua a essere vietata!

25.11.2022

Il 23 novembre, a seguito del ricorso delle nostre associazioni partner francesi LPO France e One Voice, la Corte Suprema francese si è pronunciata contro l'autorizzazione delle deroghe per la cattura degli uccelli. Il governo Macron voleva consentire, in barba alle norme europee, la cattura di oltre 100.000 uccelli migratori: allodole con gabbie trappole in Aquitania, pavoncelle con reti nello Champagne e tordi con i brutali lacci nelle Ardenne. Con quale motivazione? Perché la cattura degli uccelli (che è vietata in tutta l'Unione europea dal 1979!) sarebbe una "vecchia tradizione”.

Il CABS ha lottato per porre fine a queste barbarie in Francia dalla metà degli anni '90. Il grande successo dei nostri partner porrà fine, si spera, definitivamente fine a tutto.

Successo a Cipro: 60 bracconieri denunciati dal CABS

Successo a Cipro: 60 bracconieri denunciati dal CABS

20.11.2022

Dall'inizio di settembre, 16 attivisti del CABS provenienti da tutti gli angoli d'Europa, hanno partecipato al nostro campo antibracconaggio autunnale sull'isola. I risultati sono impressionanti: i nostri team hanno scoperto e segnalato alle autorità 135 siti illegali di cattura attivi e 76 casi di caccia illegale. 60 bracconieri sono stati denunciati, di cui 44 per cattura e 16 per caccia illegale. In tutto sono stati sequestrati 1882 limesticks, 87 reti e 128 richiami elettronici. 573 uccelli sono stati salvati dalle trappole e liberati - principalmente capinere, bigiarelle e codirossi, ma anche rigogoli, assioli, gufi e persino un pipistrello della frutta! Oltre a decine di migliaia di altri uccelli migratori, che non finiranno nelle trappole di questi bracconieri! I piccoli uccelli protetti sono ancora una prelibatezza ricercata e vengono uccisi illegalmente e venduti sul mercato nero. Ma ora anche le multe che i bracconieri stanno ricevendo sono molto elevate, in media di 4.000 euro!

Brescia: 41 denunciati e 695 trappole sequestrate

Brescia: 41 denunciati e 695 trappole sequestrate

18.11.2022

Il campo antibracconaggio del CABS a Brescia, nel nord Italia, si è concluso. I nostri 38 volontari provenienti da tutta Europa hanno perlustrato l'enorme area tra il Lago d'Iseeo e il Lago di Garda e hanno trovato decine di siti di cattura attivi. I carabinieri forestali hanno denunciato 41 bracconieri sulla base delle nostre segnalazioni. In questi siti sono stati sequestrati 273 trappole a scatto, 269 archetti, 12 limesticks, 2 reti a scatto e 39 reti verticali, oltre a 7 fucili da caccia, quasi 200 munizioni e 366 richiami vivi (principalmente allodole e tordi bottaccio). 32 dei denunciati avevano la licenza di caccia, che probabilmente gli verrà revocata o sospesa. Un team del CABS è ancora in regione per chiudere gli ultimi casi aperti e monitorare i siti di cattura invernali.

La tua donazione fa la differenza!

E' prima di tutto la tua donazione che ci dà la possibilità di realizzare campi antibracconaggio in tutta Europa, di portare avanti campagne e azioni e di lottare per la protezione degli uccelli. Il CABS è finanziato unicamente dalle donazioni di privati, di Fondazioni, di altre associazioni e da lasciti testamentari. La nostra associazione è riconosciuta in Germania come ONLUS dal governo federale.


Voglio fare una donazione