Komitee gegen den Vogelmord e.V. Committee Against Bird Slaughter (CABS)

Komitee gegen den Vogelmord e. V.
Committee Against Bird Slaughter (CABS)

  • deutsch
  • english
  • italiano
Spenden-Button

Bracconaggio all'aquila anatraia minore in Libano

Aquila anatraia minore
Aquila anatraia minore

In Libano ogni anno vengono uccise illegalmente migliaia di esemplari di uccelli migratori in via di estinzione. Il bracconaggio è particolarmente drammatico per l'aquila anatraia minore: con circa 100 coppie nidificanti, è il rapace più raro in  in Europa orientale. La sua popolazione nel nord-est della Germania è protetta con grande impegno e con un investimento considerevole di denaro pubblico. Questi uccelli migratori devono però attraversare il "collo di bottiglia" rappresentato dal Libano due volte all'anno: non sono solo le coppie nidificanti in Germania ad esserne coinvolte, praticamente l'intera popolazione mondiale di questa specie attraversa uno stretto corridoio tra le montagne libanesi. È difficile stimare quanti esemplari di aquila anatraia minore vengano uccisi ogni anno: sulla base dei dati raccolti finora dal CABS e dai nostri partner, concludiamo che in media il numero annuale è di alcune migliaia, ovvero circa il 5% degli individui di questa specie in tutto il mondo!

A causa delle loro basse percentuali di riproduzione, le aquile anatraie minori non sono in grado di compensare rapidamente tali perdite. Inoltre, questi animali diventano sessualmente maturi solo nel loro quarto o quinto anno di vita, il che significa che devono aver attraversato con successo il Libano e la Turchia (anche qui l'uccisione di rapaci è diffusa) almeno sei volte prima che il primo uovo sia deposto nel nido. Il punto cruciale è quindi che anche con uno stimato abbattimento di un "solo" cinque percento all'anno, molte aquile anatraie minori non vivono abbastanza a lungo per arrivare a riprodursi.