Printer-friendly version

Muretto a secco e giardino roccioso

Genzianella, una pianta che si adatta bene in un giardino roccioso
 (© F. Böhringer/Wikicommons)Genzianella, una pianta che si adatta bene in un giardino roccioso
(© F. Böhringer/Wikicommons)
Un altro splendido biotopo che si può creare nel giardino e che sarà apprezzato tanto dagli insetti, quanto da uccelli e rettili (gechi e lucertole) è il giardino roccioso.

Un giardino roccioso ovviamente non può venire creato sul nulla: il rischio che le pietre stonino coi tratti verdi e bucolici del resto dell’ambiente è alto. Bisogna quindi progettarlo con cura.

Dal punto di vista naturale l’esigenza fondamentale di un giardino roccioso è la sua prolungata esposizione al sole, dal punto di vista invece del paesaggio questo microambiente – soprattutto se posto in un giardino naturalmente privo di pietre – andrebbe realizzato utilizzando terrazzamenti, pareti della casa o creando un muretto a secco. Diciamo che bisogna “giustificare” paesaggisticamente il perché di una zona di pietre.

Se il giardino ha quindi un’accentuata pendenza si può creare un terrazzamento, tagliando una fetta di prato e arginandolo con un muretto a secco. Su questo si piantano le piante desiderate. Esempi di muretti a secco con terrazzamentoEsempi di muretti a secco con terrazzamento

In un secondo caso si può invece decidere di costruire un vero e proprio muretto a secco, magari sul confine della proprietà o a dividere due parti del giardino. Se possibile, nella scelta dei sassi, è meglio utilizzare pietre rinvenute nei dintorni, in modo che l’opera non stoni con il contesto ambientale.

Infine, in caso non si abbia abbastanza spazio o pietre, si può semplicemente creare un’aiuola rialzata appoggiata ad un muro ben soleggiato della casa e trasformarla in giardino roccioso.

Schema per la creazione di un muretto a secco con aiuola soprastante
 (© tempolibero.pourfemme.it)Schema per la creazione di un muretto a secco con aiuola soprastante
(© tempolibero.pourfemme.it)
In questo ultimo caso si tratta di progettare un terrapieno di un metro di altezza che si appoggia per un lato al muro della casa e dall’altro è contenuto dalle pietre, come appunto in un muretto a secco. È importante che la struttura verticale sia stabile, ma che allo stesso tempo rimangano numerose intercapedini fra le pietre, in alcune delle quali si aggiungerà terra per poi mettere a dimora le piante scelte.

Quando la struttura di contenimento è terminata si riempie lo spazio interno di terra (per intenderci: fra il muro di casa e il muretto a secco) fino agli ultimi 30 cm. Questi vanno riempiti con circa 15 cm di pietrisco per il drenaggio, su cui vengono stesi 10 cm di terra e infine 5 cm di sabbia, pietrisco e torba. Questa è l’aiuola finale su cui si potranno disporre a piacimento ulteriori pietre decorative e le piante.

Gli insetti e i rettili che sceglieranno di vivere in questa zona rocciosa si alimenteranno sull’aiuola, ma cercheranno rifugio nelle varie nicchie create fra le pietre di contenimento del muretto.

Fra le specie di piante che si possono mettere a dimora fra le pietre del muro o nell’aiuola soprastante vi sono le seguenti:

Nome volgare Nome scientifico Caratteristiche
erba pignola Sedum acre un’erba grassa dai fiori gialli
timo Thymus serpillum aromatica dai fiori rosa
linnea Limnaea borealis fiori bianco rosari
genzianella Gentiana verna fioritura abbondante azzurra
semprevivo Sempervivum tectorum pianta grassa dai fiori rosa
saponaria Saponaria ocymoides fioritura abbondante e rosa
eliantemo dorato Helianthenum nummularium dai fiori gialli
ombelico di Venere Umbilicus rupestris fioritura assente, ma foglie tonde grasse
origano Origanum vulgare aromatica che attacca bene in terreni sassosi
pinocchina Sedum reflexum pianta grassa dai fiori gialli
sassifraga stellata Saxifraga stellaris con delicati fiori bianchi
erba granellosa Sedum album con fiori bianchi