Printer-friendly version

Un porto sicuro per animali feriti o orfani

Pullus di gheppio: verrà allevato nel centro fino alla sua liberazionePullus di gheppio: verrà allevato nel centro fino alla sua liberazioneIl centro di Recupero per la fauna selvatica di Kirchwald si trova nella regione di Rheinland-Pfalz. Venne fondato nel 1983 per iniziativa privata ed è oggi il più importante in Germania per la cura e il recupero della Fauna non domestica. Finanziato e supportato dal CABS, accoglie, cura e restituisce alla vita selvatica ogni anno animali della grandezza di un regolo fino a quella di un cigno reale. Nel 2006 venne raggiunto il record con ben 1.791 pazienti accolti in cura.

Un servizio disponibile 24 ore su 24 assicura che polizia, vigili del fuoco o privati cittadini abbiano sempre qualcuno da contattare e consultare. Lo staff nella stazione comprende due volontari del servizio civile, più due tirocinanti interessati agli studi ambientali.

Le cause per cui gli animali giungono al centro sono molteplici tanto quanto le specie che vi arrivano: vi sono vittime del traffico autostradale, impatti contro i vetri, vittime di elettrocuzioni, animali avvelenati, sparati, oppure semplici orfani primaverili in cerca di genitori adottivi. Di tutti questi pazienti in media i due terzi vengono restituiti alla vita selvatica dopo una breve ospitalizzazione.

Fra le specie più rappresentate vi sono i rapaci con in testa poiane e gheppi. In seguito vengono i giovani rondoni, i merli, fringuelli, balestrucci, rondini e giovani civette e allocchi. Capitano a volte anche animali rari, come la civetta capogrosso, il torcicollo, il tuffetto o il codirosso: circa la metà di tutte le specie presenti in Germania è finita per farsi soccorrere almeno una volta a Kirschwald.

Dal 2003 in poi la stazione si è inoltre ampliata creando una grande nursery per ricci, dove ogni inverno almeno 100 di questi animali sottopeso attendono al calduccio il ritorno della primavera.

La homepage della stazione di Kirchwald la trovate qui...

Gufi e allocchi: allevati al centro, sono ormai pronti per la reintroduzione in naturaGufi e allocchi: allevati al centro, sono ormai pronti per la reintroduzione in natura