Printer-friendly version

La caccia a Cipro

Gruccione appena abbattuto da un cacciatore in primaveraGruccione appena abbattuto da un cacciatore in primaveraCome ogni paese del Mediterraneo, anche su Cipro, la caccia è un'attività diffusa nella popolazione maschile. Con 45.000 cacciatori, ben un uomo maschio su 4 va a caccia.

Le specie di maggiore interesse cinegetico sull'isola sono come in tutto il Mediterraneo le tortore e le quaglie durante la migrazione autunnale (nonchè primaverile, almeno fino a quando la vergognosa caccia primaverile era permessa), i tordi in ottobre, mentre chukar, francolini e colombacci sono cacciati nel corso di tutta la stagione cinegetica.

Come in altri paesi del Mediterraneo anche a Cipro i cacciatori non sembrano però molto rispettosi delle restrizioni sulla caccia. Non solo sono gli stessi cacciatori che si avvalgono in gran numero di reti e vischio durante l'autunno e l'inverno per procacciarsi i piccoli passeriformi con cui preparare le ambelopoulia, ma anche col fucile la distinzione fra specie protetta e cacciabile sembra essere incerta.

Da alcuni sopralluoghi svolti da volontari della LAC nel 2003 risulta che i cacciatori nel sud est dell'isola sparino a qualunque animale. In un caso un volontario ha osservato un cacciatore stipare nel suo pick-up una ventina di gruccioni appena abbattuti. E sempre un gruccione è stato colpito da una fucilata anche nell'aprile 2009 davanti agli occhi dei volontari del CABS.

Balia dal collare appesa a un bastone di vischio: cacciatori e bracconieri sono su Cipro troppo spesso la stessa personaBalia dal collare appesa a un bastone di vischio: cacciatori e bracconieri sono su Cipro troppo spesso la stessa personaSebbene, a causa della natura sporadica delle ricerche dei volontari sul campo, queste infrazioni risultino episodiche, è probabile che quanto si celi dietro sia un vero e proprio diffuso bracconaggio.

Non è un caso che proprio a Cipro nell'ottobre del 2007 è stato registrato un terribile massacro di falchi cuculo. Secondo quanto riportato da BirdLife Cyprus, "52 falchi cuculo sono stati colpiti da armi da fuoco a Phasouri, una zona nota per il bracconaggio. Nella mattina del 5 ottobre dei contadini che lavoravano nella piantagione di aranci hanno rinvenuto i falchi morti o feriti al suolo. Solo 6 erano feriti, gli altri 46 giacevano già morti. Nel centro dell'aranceto vi erano due mucchi di cartucce fresche appena sparate."

Per avere più informazioni sulle specie cacciabili a Cipro e i numeri di animali abbattuti ogni anno, si può leggere qui...