Printer-friendly version

Campo antibracconaggio in Sardegna

Trappole sequestrate e uccelli morti nella zona di Capoterra (Sardegna)Trappole sequestrate e uccelli morti nella zona di Capoterra (Sardegna)Ancora un campo di protezione degli uccelli di successo quest'anno in Sardegna! Sempre meno i sentieri, le cosiddette "andule" preparate dai bracconieri per allestire i lacci. Eppure su tutti quelli scovati, i colpevoli sono stati denunciati!

Dopo la prima settimana a vuoto, finalmente i volontari hanno rinvenuto le prime tracce di trappolaggio: 800 lacci di crini sugli alberi in via di allestimento. I Carabinieri di Capoterra sono intervenuti prontamente: al momento del blitz i bracconieri hanno cercato di disfarsi dei lacci lanciandoli nella macchia, ma invano. I due uomini che avevano appena catturato 30 fra tordi e merli sono stati denunciati.

La seconda operazione non si è fatta attendere: nei boschi di corbezzolo intorno al Gutturu Mannu i teams del CABS hanno trovato un enorme sentiero con più di 1.000 lacci di crine. In uno dei cappi era già caduta una ghiandaia - qui è stata installata una telecamera nascosta che dopo alcune peripezie ha finalmente filmato l'uccellatore sorpreso quindi con le mani nel sacco.

Con una camera da sorveglianza riusciamo a filmare un bracconiere in SardegnaCon una camera da sorveglianza riusciamo a filmare un bracconiere in Sardegna Questo bracconiere era di 60 anni e di Capoterra ed era già noto alle forze dell'ordine: i Carabinieri sono stati in grado di identificarlo prontamente e con le prove fornite dal CABS si sono recati a casa dell'uccellatore per la denuncia.

A dicembre saremo ancora una volta nel sud dell'isola per il campo di Capodanno, per salvare tutti fino all'ultimo tordo.